Allenamento

Allenamento e cellulite, da dove cominciare

La cellulite è un inestetismo dermico che interessa oltre il 50% della popolazione ed in particolar modo sono le donne, più che gli uomini, a soffrire di questo problema. La cellulite si manifesta quando il tessuto adiposo sottocutaneo degenera e si riscontra prevalentemente in cosce, fianchi e glutei, ovvero quelle zone in cui l’adipe si accumula maggiormente. Ma in quanto tempo si vedono i primi risultati? Sicuramente dipende da quanti allenamenti a settimana si fanno e la costanza nel raggiungere i propri obiettivi.

Le cause di questo fastidioso inestetismo sono molteplici e non dipendono soltanto da una condizione di sovrappeso, ma anche da fattori genetici e ormonali associati ad uno stile di vita scorretto. Quello che in molti si domandano è: esiste uno specifico allenamento per contrastare la cellulite? Un’alimentazione sana combinata ad un’attività fisica regolare e specifica per la persona può aiutare sicuramente tantissimo a diminuire il problema della pelle a buccia d’arancia. Vediamo insieme quali sono gli esercizi per ridurre la cellulite.

Allenamento per contrastare la cellulite

Uno dei migliori metodi per ridurre il problema della cellulite è quello di svolgere attività fisica per aumentare il tono muscolare del proprio corpo. Per far ciò è necessario allenare i muscoli, al fine di incrementare la massa magra ed accelerare il metabolismo. Ma in un efficace allenamento per contrastare la cellulite, la sola attività con i pesi non basta. Questa deve essere, infatti, accompagnata da una attività aerobica di media intensità.

Il miglior consiglio per svolgere un’attività aerobica moderata è quello di camminare piuttosto che correre, in maniera tale da favorire la microcircolazione sanguigna e l’ossigenazione dei tessuti. In questo modo viene facilitato anche lo smaltimento dell’acido lattico che si accumula durante l’allenamento. La corsa, invece, nonostante sia un buon metodo per perdere peso, non è consigliata per chi vuole combattere la cellulite perché a causa dei continui impatti con il terreno non aiuta a smaltire l’acido lattico.

Esercizi per ridurre la cellulite

Come detto in precedenza, l’inestetismo della cellulite si concentra maggiormente nelle cosce, nei glutei e lungo i fianchi, che sono tutte zone spesso trascurate o poco considerate durante gli allenamenti generici. Per aumentare il tono muscolare di queste zone esistono degli specifici esercizi per ridurre la cellulite, che si consiglia di svolgere aumentando l’intensità dello sforzo e riducendone la durata.

Un buon allenamento per contrastare la cellulite prevede, infatti, degli esercizi che consentano al corpo di eseguire degli sforzi brevi ma intensi. In questo modo si può aumentare più velocemente il tono muscolare delle zone più critiche e raggiungere in minor tempo i risultati desiderati. È meglio eseguire 10 ripetizioni con dei pesi, anche piccoli, piuttosto che 20 ripetizioni senza alcun carico.

Alcuni tra i migliori esercizi per ridurre la cellulite sono gli affondi e lo squat. Gli affondi sono un ottimo metodo per allenare gambe e glutei e si possono svolgere facilmente senza l’utilizzo di pesi: il carico è infatti costituito dal corpo stesso, che si riversa tutto su una gamba per volta. Lo squat permette di allenare i quadricipiti e di tonificare al meglio i glutei, ma per svolgerlo in maniera efficace è consigliabile l’inserimento di un carico che consenta di percepire un esaurimento muscolare durante le ultime ripetizioni.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Allenati con monteverde lab

I nostri social

I più letti

Non rimanere indietro

Iscriviti alla nostra newsletter

Nessuno spam solo messaggi che ti possono interessare.

On Key

Non perderti

Allenamento

Allenamento funzionale, funziona davvero?

Negli ultimi anni, nell’ambito del fitness e del benessere, si parla sempre più spesso di allenamento funzionale o functional training. Ma su cosa si basa questo nuovo modo di allenarsi ormai sempre più in voga